Grazie, Roberto

 

Volevo ringraziare pubblicamente te, o Roberto Saviano, per avermi permesso di fare un passo avanti nel mio difficile percorso di auto-consapevolezza.

No, perché io sono contento quando mi scopro a provare emozioni, sensazioni e pensieri che non credevo mi appartenessero. E stasera, Roberto, mi hai consentito di vederne uno da cui ritenevo di essere immune.

L’indignazione.

Sì, perché, come ho già scritto credo più di una volta, l’indignazione mi ha sempre dato fastidio. E, nella mia illusoria percezione di “superiorità” rispetto alle “masse”, avevo l’effimera convinzione di non essere suscettibile a questo improduttivo stato d’animo.

Ma stasera, sentendo il tuo monologo a Quello che (non) ho – che poi è Che Tempo che fa solo su un’altra rete ma va bene lo stesso – me la sono vista addosso. Quella tua arringa sentita e infuocata contro i cattivi, detta da te che sei indubitabilmente il buono, mi ha colpito. Nel profondo. E sì, mi ha fatto indignare.

Solo che, ahitè, mi sono ritrovato a indignarmi non contro la Camorra, le Mafie o la Crisi, che hanno provocato la morte e la sofferenza di questo e di quello. Mi dispiace, non so che farci, ma l’oggetto della mia indignazione sei stato tu.

Tu che, forte della tua vita da paladino della lib… no scusa, volevo dire paladino della giustizia e della verità, sei sceso ex machina a spiegarmi come stanno le cose.

Non so perché, ma quando qualcuno mi detta come la devo pensare, come devo agire, con chi ce la devo avere e chi devo osannare, mi viene da reagire. Che sia Berlusconi, o che sia tu. Solo che quell’altro è così caricatura di essere umano che è, almeno per me, incredibilmente facile fargli la tara.

Con te è un po’ più difficile. Ciononostante, ci sono riuscito.

Quindi grazie, Roberto. Grazie davvero.

 

TumblrShare

7 Responses to this post.

  1. Posted by abbuciodecù on 15.05.12 at 09:57

    Eh no, alexfor, grazie a roberto ma grazie soprattutto a te. Grazie per riuscire sempre a ripetere prolissamente ciò che viene detto ormai in non più di 160 caratteri. Già da 4 anni.
    Pensa che perfino giuliano ferrara, il traduttore del sentimento “alto”-populista, ti ha battuto sul tempo. La sperimentazione antisistemica si è già arenata davanti ad un ottimo nemico pelato e napoletano? Bastano 30 condivisioni su facebook per sentirsi un po’ scomodi?
    Daje tutti, meditiamo e ripartiamo. Bacioni

  2. Posted by alexfor on 15.05.12 at 11:59

    C’è qualche altro troll anonimo che vuol far credere di essere intelligente senza riuscirci?

  3. Posted by edoardo calzone on 02.06.12 at 14:43

    IO!

  4. Posted by Sciuscia on 05.06.12 at 19:07

    Ciao alex, non mi frega un cazzo di Saviano, son passato solo per dirti che ti ho linkato. Era da tanto che non linkavo qualcuno, sono emozionato.

    Allora ciao eh

    (wave)

  5. Posted by alexfor on 05.06.12 at 21:52

    Cazzo, allora ti devo rimuovere.

  6. Posted by ZioYkaro on 11.06.12 at 23:41

    Bel post, in ogni caso volevo dire che Io sono qui solo perché mi piace il cazzo (cit.)

  7. Posted by alexfor on 12.06.12 at 06:26

    Eh?

Respond to this post