La sindrome di Roma

ppiano-cappuccio-copia

 

Avevo in mente di scrivere un post ben documentato, per esprimere concetti originali e convincenti e magari anche qualche arguta battuta sulla vicenda del rapimento, della liberazione e del presunto riscatto del caso di Greta e Vanessa, poiché il caso in questi ultimi giorni mi aveva molto appassionato.

Poi, dopo aver a lungo ragionato, letto moltissimi articoli anche di quotidiani che generalmente fatico a prendere in considerazione, cercando di adoperare il mio cervello senza preconcetti e di essere aperto a tutte le possibilità, incluse quelle più lontane dal mio sentito, essermi confrontato con varie persone anche sconosciute in giro su Facebook mantenendo il medesimo approccio, essermi imbattuto in decine e decine di prese di posizione agghiaccianti da un lato o sterilmente moraliste dall’altro, e aver infine casualmente letto questo post, ho realizzato di essere io a essere stato rapito, non so da quanti anni e in compagnia di quanti (ma sicuramente pochi) altri, da un’organizzazione di folli denominata “Italia”.

E non credo ci sia nessuno disposto a pagare un riscatto per la mia liberazione.

 

TumblrShare

Respond to this post