Prugna non deve morire (o forse sì)

Prugna Dark

Post scritto da me medesimo all’interno di una discussione a proposito della chiusura della pagina “Prugna Dark”, effettuata da Facebook, su Facebook e in Facebook (sempre sia lodata). Per comprendere il contesto e conoscere i dettagli, vi invito a cliccare qui (vale a dire dove c’è scritto “qui”)(il primo “qui”, eh, non il secondo né il terzo).

 

Hell,

permettimi di darti un consiglio, dall’alto della mia pluriennale esperienza (c’è contemporaneamente autoironia e verità, in questa cosa), se hai intenti bellicosi a proposito di questa vicenda della Prugna Dark.

Lascia perdere.

Te lo dice uno che ha al suo attivo decine e decine di storiche (eh?) guerre e battaglie, contando solo quelle in questa vita, e fra queste solo quelle nella “satira”, e non ha ancora finito di combattere. Ripeto: lascia stare, soprattutto se è la prima che ti capita nel campo della “satira”.

È inutile, non serve a un cazzo. Ed è logorante. Ché poi magari ti ritrovi, come me, a quarantacinque anni suonati, quando cominci a sentire che i neuroni perdono qualche colpo, a non riuscire a dormire per scrivere presumibilmente inutili post su Facebook alle 5 e mezza del mattino, a litigare con i tuoi amici, a farti il sangue cattivo e roderti il fegato, a fumare troppe sigarette, e altre cose estremamente dannose per la salute.

Questa satira (tolgo le virgolette, d’ora in poi, perché è faticoso metterle ogni volta, ma fa’ come se ci fossero) non merita guerre e battaglie, semplicemente perché non esiste. Ed è una fortuna enorme, che non esista. Perché è l’unico modo possibile per ottenere il risultato che non abbia limiti, come tutti noi cosiddetti autori vorremmo.

– Caro autore, cos’è per lei la satira?
– Boh?

Ecco, questa è l’unica definizione sensata della satira. Perché tutti i problemi sorgono da quando tenti di darne una definizione.

Osserva il significato profondo della parola “definizione”: implica, di per sé, limitare. È normale: è la mente umana che funziona così. Quando cerca di comprendere un fenomeno, un qualsiasi fenomeno, come prima cosa DEVE definire un perimetro. E va benissimo! Perché senza questo portentoso meccanismo non saremmo qui, ora, a discutere su quest’aggeggio chiamato internet.

È il suo modo, suo della mente, di interpretare la realtà, che però è destinata, sempre, a sfuggirle. Perché la realtà, come la satira, è illimitata. C’è e non c’è. È intrinsecamente paradossale. E dietro la mente – hanno ragione autori satirici ben più famosi di noi, che si sono dati nickname fantasiosi quali Buddha, Cristo, Osho, e tanti altri – c’è qualcos’altro. Anzi, questo qualcos’altro la include, e include tutto quanto.

Prugna Dark non merita le tue battaglie, semplicemente perché non esiste neanche lei. Non esisteva già prima, quando secondo te, secondo me, secondo tutti quelli che c’hanno avuto a che fare, c’era. L’unica cosa che esiste sei tu. Tu, qualunque cosa sia questo “Tu”, sei l’unica cosa da proteggere.

E la cosa migliore che puoi fare per proteggerti, ancora paradossalmente, è arrenderti. Che non significa lasciarti soggiogare, tutt’altro. Significa accettare di essere bannato, incarcerato, avvelenato, crocifisso, ma mantenendo sempre la tua integrità. Sei fuori da Facebook, Da Spinoza, da Umore Maligno, da Lercio, o quel che vuoi, sei in carcere, ti stai ammalando, stai morendo, ma sei sempre tu, lo stesso che scriveva minchiate su Prugna Dark.

Solo così, arrendendoti totalmente, ineluttabilmente, ti apparirà l’evidenza, ciò che tu stesso ti nascondevi con imbarazzanti fette di prosciutto su qualunque organo sensoriale. E questa evidenza, questa verità, è che non c’è assolutamente nulla da cambiare, che va tutto benissimo così com’è, che questa realtà, sia nei suoi dettagli, nei suoi processi, momento per momento, sia nella sua inafferrabile e universale interezza, è perfetta.

Sarà solo in quel momento, quando ti sarai interamente rilassato in questa bellezza, che le cose che non ti piacevano (e che non ti piaceranno ancora, eh, perché tu sarai rimasto te stesso, nel frattempo) cominceranno a cambiare, a mettersi a posto, da sole, a volte esattamente come le volevi, altre volte diversamente e ancora meglio di come te le saresti mai immaginate.

Dunque prova, se ti va, a recitare questo mantra, e vedi cosa succede:

Ciao Prugna Dark <3

Un abbraccio.

Alex.

 

TumblrShare

Attendo il giorno


 
Attendo il giorno in cui finiranno le tue paure, quelle che io so – te l’ho sentito proclamare con grande emozione – tu vuoi superare. Quel giorno tu saprai che le tue paure ci sono, sono lì, fanno parte di te, e la cosa più insensata è proprio averne paura.

Attendo il giorno in cui ti renderai conto che ti basta decidere che vuoi essere libero, forte, coraggioso, per esserlo. Quel giorno le voci che hai in testa, quelle che ti bloccano convincendoti del contrario, diventeranno un rumore di fondo, sempre meno intenso e fastidioso.

Attendo il giorno in cui vedrai, come io vedo chiaramente, quanto sei potente, e quanto tu stesso trattieni questa tua potenza non si sa neanche perché. Quel giorno distenderai le tue gambe in una falcata maestosa, che le tue braccia accompagneranno sciolte ed energiche, e sferrerai un calcio così micidiale che – altro che Inazuma Eleven! – la rete rischierà di spezzarsi all’impatto con il pallone.

Attendo il giorno in cui cristallizzerai la tua volontà di essere felice. Tu innanzitutto, e gli altri di conseguenza. Non viceversa. Quel giorno comprenderai la differenza tra vivere e sopravvivere, tra amare e possedere, tra essere amico e strumentalizzare. Quel giorno potrai ringraziare per l’attenzione chi proietta su di te aspettative solo sue, e chiedere gentilmente che si faccia da parte, quando è in ballo la tua serenità, continuando a condividere le tue emozioni se e quando se lo meritano.

Attendo il giorno in cui vedrai che non c’è conflitto tra te e gli altri, che la contraddizione è solo apparente, e che quando accetti integralmente te stesso allora accetti integralmente anche gli altri, anche se li inviti più o meno gentilmente a farsi da parte. Ché la vita e tua e hai pieno diritto di goderla in ogni singolo attimo in cui si dipana, di ridere di ciò che ti fa ridere anche se il bacchettone di turno dice che non si può, di arrabbiarti, di piangere, e di stare da solo con te stesso tutto il tempo di cui hai bisogno.

Quel giorno io ci sarò, e ti vedrò trionfare. Applaudirò, da fuori ma insieme, distinti ma uniti, e mi commuoverò.

Ma poi, perché diavolo parlo al futuro? Quel giorno è già arrivato, forse era ieri, forse sarà un domani qualunque.

Anzi, lo so, è oggi.

Ci vediamo tra poco. Buon compleanno.

 

TumblrShare

Della funzione spirituale dell’umorismo nero

Oggi parlo di un tema difficile, almeno per me. Com’è ovvio, trae spunto dalla vicenda che forse conoscerete a proposito di Umore Maligno, ma voglio chiarire che il punto di vista che ora proverò a sviluppare appartiene solo al sottoscritto, per quanto ne so.

Partirò con una premessa, che è frutto di una mia elaborazione di cose che mi sono state raccontate, che ho letto e vissuto. Tutto però è stato in qualche maniera interiorizzato e compreso, non fideisticamente ma intuitivamente. Non so se avete presente quella sensazione che ogni tanto ci coglie, quando appare un pensiero dal nulla e qualcosa dentro ti dice “sì, è proprio così”, anche se non sai spiegarlo. Ecco, è proprio così.

La mente umana – quella degli individui anagraficamente adulti – è fondamentalmente composta da due parti. Sì, lo so, Freud dice tre, Jung ci mette l’inconscio collettivo, Calderoli sostiene che la mente non esiste proprio. Ma non me ne frega un cazzo.

La prima parte è quella in cui più ci identifichiamo. Diciamo che è l’io, o ego se preferite latinizzare o vederlo negativamente. Questa parte di noi è sostanzialmente un bambino, la nostra parte infantile, cui alcuni associano l’aggettivo ferito. È la nostra parte più energetica, vitale e pura. Anzi no. Perché c’è stato un momento, nell’infanzia di tutti quanti – un momento che ho sentito definire il grande tradimento – in cui questo bambino ha abdicato a se stesso.

Il bambino nasce sostanzialmente felice. Non che lo sia nel modo in cui lo intende l’adulto “ah, la felicità è un attimo”. Il bambino è felice perché non sa cos’è la felicità. Non ne ha un’idea da perseguire. Non nutre aspettative. Vive e basta. Addirittura, nei primi mesi di vita, non riesce neanche a distinguere fra sé e l’ambiente circostante, in particolare fra sé e la madre.

Ma è un mondo difficile. Felicità a momenti… Scusate. È difficile nel senso che questo bambino va protetto e nutrito. Non è in grado di procacciarsi il cibo da solo, come peraltro i piccoli di altri animali sanno fare anche pochi istanti dopo la nascita. E quando bisogna proteggerlo, i genitori spesso sono costretti a usare metodi coercitivi. A volte fisici (che non significa solo il ceffone ma anche il box-prigione). Molto spesso verbali ed emotivi.

“Non fare questo! E neanche quello! Ma se stupido? Forza!”. Eccetera.

Nonostante questa protezione, che a volte c’è in forme a dir poco anomale, o anche in ragione di questa – saprete anche voi che le violenze in famiglia sono molto più frequenti di quanto non si voglia ammettere – subentrano traumi, paure e complessi.

E così succede, inevitabilmente, che il bambino – qualunque bambino – sviluppi una convinzione ineluttabile  che così com’è non va bene, che finisce per travolgerlo.

Nel migliore dei casi, a un certo punto il bambino si rassegna e si dice: “OK mamma, OK papà” – oggi dice “OK” perché guarda tanti cartoni animati americani – “d’ora in poi sarò come volete voi”.

Prende così forma l’altro pezzo della sua psiche, quello che Freud chiama super-io o super-ego, altri coscienza (il fottuto grillo parlante). Mi piace un termine poco usato che ho sentito: il giudice interiore. Io, comunque, ho coniato il mio: la vocina.

Questa parte di mente non è nostra. Ci è stata inculcata dall’esterno. Essa, più che una funzione di pensiero cosciente o razionale, è un meccanismo. Non è per niente facile riconoscerla. Per farlo, occorre un’auto-attenzione intensa e costante.

La vocina non la riconosci per cosa dice ma per come lo dice. Come ho detto, non è intelligente, diciamo così, per cui può accadere che in un momento dica una cosa, e poco dopo il contrario.

Il come è essenzialmente fatto di cose sgradevoli. La vocina giudica, se stessi e gli altri. La vocina manipola. Consiglia. Sprona. Reprime. Fa paragoni. Spaventa. Colpevolizza.

“Sei un coglione!”

“Inadeguato”

“Non ce la farai mai…”

“Lui è migliore di te”

“Eccoti, sempre alle solite…”

“Sei in ritardo!”

“Non farlo!”

“Fallo! Altrimenti sei un debole / un codardo / non sei un buon amico! Eccetera!”

“Hai il cazzo piccolo!”. No, almeno questa cosa a me non la dice.

È un continuo, è perennemente attiva. Quei rompicoglioni dei nostri genitori non la smettono mai di dirci cosa dobbiamo fare e cosa no. Un conflitto incessante tra un bambino che scalcia, che vorrebbe giocare, correre e divertirsi, e qualcuno che da dentro non gli dà tregua.

Occhio, però! In verità non faccio una valutazione morale dell’operato dei genitori. Anch’io sono padre e sono figlio. E soprattutto, se la facessi sarebbe frutto di una minchiata che mi dice la vocina.

Il guaio è che anche i genitori sono dominati da questo conflitto. Non possono fare altrimenti.

Dunque l’essere umano risulta, nella migliore delle ipotesi, uno schizofrenico nascosto. La schizofrenia è a un livello tale che si disperde limitatamente nell’ambiente, dando luogo al mondo di merda in cui viviamo. Ma c’è. Sempre. In chiunque. Sì, è triste dirlo, ma siamo tutti pazzi.

I pazzi riconosciuti come tali o quelli chiamati psicotici o altro del genere sono semplicemente coloro in cui il meccanismo di controllo s’è rotto. Così sono diventati pericolosi, o anche solo non produttivi. Allora abbiamo per esempio chi è bambino (ferito, si badi bene) sempre, e quindi sbrocca in varie forme. O la vocina è andata fuori giri e ordina cose insensate. O ti schiaccia, deprimendoti, fino a farti credere di non poterti alzare dal letto e che è meglio che tu la faccia finita appena puoi.

Gli altri pazzi che fanno? Sopravvivono.  Sopravviviamo. Tutti. Alla bell’e meglio. Vittime di credenze non verificabili o che avevano un senso quando si avevano quattro o cinque anni.

“Cazzo, ma se è così, allora non c’è alcuna speranza…”

Eccola, è la vocina!

Non è vero, la speranza c’è. Ma non è facile metterla in atto.

(Se invece avete pensato “Che cazzo sta dicendo questo?”, interrompete ora la lettura. Questo post non fa per voi)

Intanto, è opportuno riflettere sul fatto che uno dei fondamenti su cui si basa questo sistema (sì, è un sistema, e va avanti da millenni) è la concezione secondo la quale la natura dell’essere umano è maligna, o quantomeno pericolosa. “L’uomo è una bestia!”, per dirla con le parole di Giorgio Bracardi (chissà se qualcuno se lo ricorda). Questo è uno dei capisaldi della vocina, uno dei suoi evergreen.

In effetti, un bambino sa essere anche molto cattivo. Pensateci. Osservateli. O ricordatevi delle elementari. Di com’eravate voi, o il vostro compagno o compagna di banco. E sa mettersi e mettere il prossimo in situazioni di gravissimo pericolo.

Ma siamo bambini, oggi? Fisicamente, non si direbbe.

Già, il fisico. Ho parlato tanto di mente. Ma il corpo è fondamentale. Quando siamo (ci identifichiamo con) il bambino, per esempio nel momento il cui la vocina ci cazzia, perdiamo contatto con il corpo. Siamo piccoli. O non ci sentiamo affatto. Quando stiamo bene, il corpo è quello di un adulto, lo sappiamo, ne siamo consapevoli.

Per esempio, il sesso…

“Ehi, stronzo! C’hai scritto nel titolo che parlavi di umorismo nero! Quando cazzo cominci? Che ci frega di come scopi?”

OK, OK! Merda, me n’ero dimenticato. E comunque cerca di parlare bene in italiano, “avresti parlato”…

“Ho capito! Adesso non rompere i coglioni con l’italiano! Quanto stai scrivendo? Tu un post così lungo non lo leggeresti mai! Pigro!”

Vaffanculo. Parlo di cosa voglio e quanto mi pare, chiaro?

(C’era un po’ di bambino e un po’ di vocina in questo dialogo immaginario con te, caro lettore o cara lettrice. Cerca di vedere tu dov’era l’uno e dove l’altra. E magari dove c’era anche qualcos’altro)

Vabbe’, l’umorismo nero. O la satira vera, secondo me. Ho già detto cosa penso della satira compiacente. Ora posso rivelarvi che non mi piace perché non lavora sul sistema che ho descritto. C’è un’altra satira che, almeno nella mia esperienza, aiuta. Aiuta me, eh, tengo a chiarirlo. Ma non essendo diverso da voi, né migliore né peggiore, penso, spero, che magari serva anche ad altri.

Come?

La satira cattiva scatena una contraddizione istantanea tra il bambino e la vocina. È chiaro: dev’essere di qualità, ben scritta, costruita tecnicamente bene. Io queste tecniche non le ho studiate, sono un autodidatta e vado a istinto, per cui scordatevi che vi porti degli esempi. Sì, sono un gran pigro, e allora?

Succede quanto segue: ciò che si legge o si ascolta è scritto o detto in un modo che fa scattare qualcosa nel nostro cervello, un collegamento sinaptico che risveglia intensamente il bambino. In linea di massima, lo risveglia positivamente, nel senso che il bambino è portato a ridere, ma non solo. Può anche solo sentirsi emotivamente coinvolto (“sì, cazzo, è proprio così!”). Può avere uno di quei moti potenti pure un po’ cattivelli.

Perché come dicevo prima il bambino è anche cattivo. Ma non lo è nel senso moralista. Il bambino è libero e se una cosa non gli piace, non gli piace. Se un bambino si incazza, porca troia come si incazza! Se un bambino ride, lo fa di gusto, come poche volte a un adulto capita.

Il bambino è puro, è innocente anche quando ha queste manifestazioni.

Per arrivare al tanto vituperato post di Umore Maligno, chi legge sa benissimo come un bambino vede un handicappato.

Le sensazioni sono varie e spesso contrastanti. Dalla paura alla repulsione. Ma anche un’attrazione irresistibile per ciò che è diverso. Una difficoltà insormontabile a comprendere e valutare qualcuno che è come te e, contemporaneamente, non lo è affatto. E infine, la voglia irrefrenabile, dovuta a un meccanismo ancestralmente darwiniano, di prendere per il culo per far parte del gruppo dei “normali” il “mongoloide”.

Contemporaneamente, e in ragione dell’argomento, si scatena fortissima la vocina. “Cosa fai? Non si ride di certe cose! Non si fanno certi pensieri! Smettila immediatamente!”.

(“O ti faccio oscurare il sito!”)

In ragione dell’argomento. Ecco perché, per esempio, la satira su Berlusconi per uno di sinistra è fondamentalmente inutile, dal punto di vista di scoperta e riconoscimento del sistema. Non aggiunge e non toglie nulla. Bambino e vocina, in quel caso, sono perfettamente d’accordo.

Ed ecco perché, casomai fosse il caso di ripeterlo, il bersaglio di questa satira non è l’handicappato o chi subisce violenza o muore o viene discriminato per motivi razziali, ma è chi leggeIl “normale” (che in realtà è lo schizofrenico di cui sopra) che dice gay e pensa frocio, che dice meridionale e pensa terrone, che dice disabile e pensa storpio o mongoloide.

E non solo.

Chi legge può essere anche la parte in causa. Anche il meridionale che si sente inferiore perché terrone, il gay che si sente frocio e quindi emarginato, il disabile che investe tutta la sua vita per rivalersi dei torti subiti. Anche questa persona vivrà per una frazione di secondo le emozioni infantili di chi l’ha trattato male e potrà identificarsi con esse. E contemporaneamente inizierà a giudicarle, e a giudicarsi per averle provate.

Questo scontro istantaneo può essere molto duro. E spesso è la vocina a prendere il sopravvento.

Il momento decisivo, l’occasione da cogliere, è quello della lettura o dell’ascolto. L’esplodere del conflitto interiore.

Perché se in quel momento qualcos’altro in voi permette al bambino di ridere o di vivere le altre emozioni, accettandole con amore (ecco, ho usato questa parola, la mia carriera di satiro finisce qui), perché non sta facendo nulla di male, sta solo ridendo o giocando a fare il cattivo, ma nessuno realmente sta morendo o subendo violenza o altro…

… E se contemporamente questo qualcos’altro manda affanculo la maledetta vocina che ha nella testa “mamma, papà, vi voglio tanto bene ma avete rotto i coglioni, ché ho 44 anni e sono grande, grosso e forte”…

Be’, se ciò vi accadrà, avrete goduto di un momento intenso di consapevolezza di voi stessi. Avrete allentato un filino le vostre catene, quelle vere, quelle su cui si basa qualunque ingiustizia, qualunque sopruso, qualunque autoritarismo. Avrete fatto un passo avanti nel cammino socratico del “conosci te stesso”. Forse vi sarete avvicinati un pochettino – dai, la sparo, tanto ormai mi sono sputtanato completamente – alla buddhità.

E se non accadrà… Be’, basta leggere i commenti al post e le intrinseche contraddizioni dovute al fatto di essere vittime di un meccanismo automatico: “Siete handicappati perché parlate male degli handicappati!”. “Spero che abbiate un incidente o che incontriate un handicappato che vi spezzi la spina dorsale, così che diventiate handicappati pure voi!”. “Siete solo anonimi che cercano visibilità!”… Eh?

Non condanno queste persone, mi dispiace per loro. Per l’occasione che hanno perso.

Sì, perché per me questa satira è una specie di meditazione, porca di quella troia. Mi fa star bene. Mi fa sentire libero e vivo. Libero e vivo come nessuno degli automobilisti incolonnati di fianco a me per ore si potrà mai sentire, mentre io ascolto la radio e cerco notizie del cazzo su cui fare battute.

Quel qualcos’altro è ciò che abbiamo l’occasione di scoprire e di mettere al posto della vocina (siamo grandicelli ora), così che prenda il bambino per mano e lo accompagni nel mondo con l’amore che merita. Quel qualcos’altro è lo “spazio” in cui il conflitto è ambientato, e di cui non ci rendiamo quasi mai conto, il nostro vero essere adulti, presenti qui e ora, nel corpo e nella mente. Sì, può emergere anche leggendo questi pezzi. Sempre, come ho già detto, che siano scritti bene. Ma occhio che se qualcosa nella testa vi dice “questo pezzo fa cagare”, potrebbe di nuovo essere la vocina!

Sta a voi scoprirlo. Sta a voi valutarlo.

E ora, alla fine di questo sproloquio, vi va di andare a giocare un po’?

 

TumblrShare

Le normità

 

L’Italia ha una caratteristica tutta sua: quella di pensare che i problemi si risolvano con delle norme, delle regole. È per questo motivo che abbiamo migliaia di leggi inutili, circolari, procedure, protocolli, eccetera. Senza considerare il fatto che, come ho già detto da qualche altra parte, siamo specialisti nella messa in pratica del nostro detto più tipico: “fatta la legge, trovato l’inganno”.

Ne abbiamo in tale numero di queste leggine, decreti attuativi, commi, articoli, eccetera, che un tale Calderoli, almeno a suo dire, ne abolì 350.000. Calderoli, non so se avete presente. E non è cambiato un cazzo.

Non so se c’avete mai pensato, ma alla necessità di utilizzare regole per risolvere problemi causati dall’essere umano sottende una concezione pessimistica di noi stessi. L’essere umano di base è una bestia, destinata a violenza, vituperio e cattiveria. È figlio del demonio, religiosamente parlando (e chi vede le cose in questo modo è intriso fino al midollo del pensare più beceramente cattolico, qualunque sia il livello di autonomia da questi dogmi che pensa di aver raggiunto), per cui va in qualche modo circoscritto, recintato, protetto da se stesso e dal male (sì, “male”, non ho scelto questa parola per caso) che può procurare.

Una visione più matura –  a mio modesto avviso –  delle cose, vede nelle regole un aspetto ineludibile di qualunque gioco (sì, “gioco”, non ho scelto questa parola per caso). Ovunque ci sono regole, dietro c’è un gioco. Sempre. E se non vi sembra che sia così, è perché siete troppo seriosi, e non siete in grado di godervi la vita. Non che io lo sia, ma perlomeno cerco di farci attenzione.

E le regole sono uno strumento, non una soluzione.

Un gioco presuppone, di fondo, una volontà comune di un gruppo di persone di parteciparvi. Per puro sollazzo, se tutto va bene. Ma bisogna innanzitutto essere d’accordo su cosa si vuole fare, poi le regole vengono da sole. E se non succede così, qualcosa non va.

Abbiamo un pallone, e vogliamo prenderlo a calci. Disegneremo delle righe su un prato. Inquadreremo delle porte con pali e traverse. Decideremo che quando la sfera supera le righe laterali è “fallo laterale”.

Se abbiamo tutti voglia di giocare, perché abbiamo voglia di godere delle vibrazioni che il gioco ci procura, allora accetteremo le regole. Non ci metteremo a urlare: “Non è giusto che la palla sia tua perché io l’ho tirata oltre la riga!”, saremmo semplicemente pazzi.  Eppure accade. Perché al gioco subentra la competizione, e a volte la voglia di vincere è superiore al piacere di giocare. La (presunta) vittoria ci realizza, ci identifica, ci conferma di essere ciò che pensiamo di essere. Sempre se accade, ovviamente.

Se non accade allora, bambini quali in verità siamo, potremmo decidere di farci il nostro campetto, dove si gioca in cinque contro cinque, invece che in undici contro undici, dove c’è un muro che delimita il campo e posso giocare di sponda, senza l’ingiusto e scandaloso “fallo laterale”. Ma potrebbero girarci i coglioni, perché le emozioni che ci procura il giocare in cinque contro cinque non sono le stesse dell’undici contro undici. Si corre di meno, si fanno gol troppo facilmente e, soprattutto, c’è meno gente a guardare. E noi abbiamo bisogno del pubblico anonimo e numeroso, che confermi applaudendo ed esultando che siamo ciò che pensiamo di essere.

E allora magari litighiamo con quelli che giocano undici contro undici, perché a questi sta un po’ sul cazzo che quando ci gira vogliamo fare anche il loro gioco. Ma litigare non va bene, perché devi (e sottolineo “devi”) amare il prossimo tuo come te stesso.

(Anche se Gesù, probabilmente mi ripeto, non disse “ama” ma “amerai”, come se fosse una sorta di constatazione scientifica, “ciò che dai ti ritorna e viceversa”, e non un comandamento)

Recentemente, ho sentito di gente che vuole regolare il conflitto. Gente che dice di fare satira. Gente che approva e incoraggia il conflitto portato verso l’esterno, il “flame”, ma lo rifugge se riguarda l’idea che ha di sé o il gruppo cui crede di appartenere. Beh, a questa gente mi viene da dire, parafrasando il tipo di Nazareth: la tua satira avrà efficacia sul prossimo pari a quella che tu sopporti su te stesso. Nulla.

Se abbiamo bisogno di regole per gestire una situazione, è perché il conflitto ne è elemento costituente. Manca la volontà di base, non dico di giocare, ma anche quella di collaborare, o addirittura di interagire, dando a controparte dignità di essere tale. Allora non resta che rivolgersi a un terzo – un giudice, per esempio, nelle varie forme del processo civile – affinché individui quelle norme o ci costringa ad definirle.

Concludo con una mia vecchia riflessione etimologico-statistica. “Norma” significa anche “media”. Dal sostantivo “norma” ne deriva un altro: normalità. La distribuzione “normale”, quella che chi ha studiato queste cose sa avere il nome di “gaussiana”, descrive eventi senza una particolare caratterizzazione probabilistica, buttati anonimamente attorno ad un valore medio facilmente misurabile. In altre parole, ciò che è “normato” non è, in base ad un’osservazione scientifica, eccezionale. O lo è con una probabilità bassa. Bassissima.

Ecco, io credo tutto ciò non sia casuale. Voglio dire che è proprio questo il risultato che, per nostra scelta inconsapevole, siamo destinati a conseguire, normando qualunque cosa: alla mediocrità.

 

TumblrShare

Namastè

 

 

alexfor: max

Uomo Morde Cane: eh

alexfor: andiamo a torino insieme?

alexfor: quando arriva bosusco

Uomo Morde Cane: che c’è a Torino?

alexfor: ci spacciamo per i suoi fratelli

Uomo Morde Cane: ah

Uomo Morde Cane: 😀

Uomo Morde Cane: 😀

Uomo Morde Cane: 😀

alexfor: e lo rapiamo di nuovo

Uomo Morde Cane: 😀

Uomo Morde Cane: gli chiediamo se ci organizza un viaggio costosissimo

Uomo Morde Cane: in corea del nord

Uomo Morde Cane: gli diciamo di aspettarci là

alexfor: io so solo una cosa

alexfor: lo voglio

Uomo Morde Cane: vestito da coreano del sud

alexfor: voglio bosusco

alexfor: tutto per me

alexfor: lo voglio in casa

alexfor: come un oggetto di arredamento

Uomo Morde Cane: un immane arbre magique al contrario

alexfor: voglio appendere l’impermeabile al suo naso la sera quando torno a casa

Uomo Morde Cane: quando ci passi davanti diffonde fragranze

alexfor: asciugarmi il cazzo nei suoi capelli dopo aver pisciato

Uomo Morde Cane: così è pronto e oleato

alexfor: “vieni paolo, accompagnami in bagno”

alexfor: e deve cantare quando glielo chiedo

Uomo Morde Cane: stiamo cazzeggiando, alex

alexfor: gli lascio decidere cosa

Uomo Morde Cane: io devo litigare

alexfor: no max

alexfor: sono serissimo

Uomo Morde Cane: (rofl)

alexfor: voglio bosusco

alexfor: poi se vuoi te lo presto quando hai bisogno di litigare

alexfor: gli urli un po’ contro

Uomo Morde Cane: 😀

Uomo Morde Cane: si spezza

alexfor: no, si piega

alexfor: me lo vedo tu che urli e lui con i capelli che svolazzano all’indietro e la faccia tirata

Uomo Morde Cane: 😀

alexfor: ma sorride

Uomo Morde Cane: (rofl)

alexfor: lui sorride sempre

Uomo Morde Cane:

Uomo Morde Cane: è sereno

Uomo Morde Cane: con tutto quello che guadagna

alexfor: poi ti fa il segno del namastè con le mani

alexfor: “grazie”

Uomo Morde Cane: è vero

alexfor: come nelle foto

Uomo Morde Cane: si nutre di bacche

Uomo Morde Cane: radici

alexfor: poi quando mi gira il cazzo lo metto in lavatrice

alexfor: tutto quanto

Uomo Morde Cane: beve solo acqua di fonte

Uomo Morde Cane: 😀

alexfor: e non si cambia mai

Uomo Morde Cane: mai

Uomo Morde Cane: è inutile

alexfor: 😀

alexfor: ci scriverò un post

Uomo Morde Cane: crede nei valori veri

alexfor: su bosusco

Uomo Morde Cane: 😀

Uomo Morde Cane:

Uomo Morde Cane: lo facciamo insieme?

alexfor: tra un anno, credo

Uomo Morde Cane: non so come

Uomo Morde Cane: 😀

alexfor: le cose che sono scritte qui

Uomo Morde Cane: copia incolla

Uomo Morde Cane: 😀

alexfor:

Uomo Morde Cane: ed è fatto

alexfor: esatto

Uomo Morde Cane: bene

alexfor: un dlq a due

Uomo Morde Cane: 😀

alexfor: anzi a tre

Uomo Morde Cane: lo mettiamo sul blog

alexfor: io te e bosusco

alexfor: (y)

Uomo Morde Cane: lo ripuliamo dalle cose inutili

Uomo Morde Cane: tipo le tue.

Uomo Morde Cane: e pubblichiamo

Uomo Morde Cane: dai

Uomo Morde Cane: ora

alexfor: suca

alexfor: 😀

Uomo Morde Cane: 😀

alexfor: in contemporanea?

Uomo Morde Cane: sisi

Uomo Morde Cane: è una ficata

alexfor: foto con camicia bianca

Uomo Morde Cane: sperimentazione

alexfor: (y)

Uomo Morde Cane: (rofl)

alexfor: vai

Uomo Morde Cane: dove chiudiamo?

alexfor: fino a dove?

alexfor: ecco

Uomo Morde Cane: (rofl)

alexfor: qui

Duralex: chi?

alexfor: chiudiamo qui

Uomo Morde Cane: ok

 
Ringrazio l’amico Uomo Morde Cane per l’esperimento, e mi scuso per l’eccessivo numero di accessi provenienti da questo blog che sicuramente faranno crollare il suo.

 

TumblrShare